RIFUGIATO CITTADINO

PROGETTO:RIFUGIATO CITTADINO

Finanziato da FAMI-Fondo Asilo Migrazione e Integrazione-Ministero dell’Interno

Destinatari: Titolari Protezione Internazionale 

Obiettivo specifico: Potenziamento del sistema di 1 e 2 accoglienza mediante la realizzazione di percorsi individuali per l’autonomia socio-economica 

Obiettivo Generale :

Il progetto intende articolarsi quale azione di sistema in grado di incidere sulle policies , sulla programmazione , sui modelli e sui dispositivi di integrazione dei cittadini extracomunitari. La logica è dunque quella di strutturare un Piano di intervento Provinciale multilivello e multistakeholders , in grado di integrare ambiti disciplinari tra loro eterogenei. Saranno coinvolte risorse volte ad affrontare il tema dell’autostima dei destinatari focalizzando l’attenzione sulla sinergia messa in campo da diversi interlocutori. Questo obiettivo generale si declina in una serie di finalità strategiche volte a promuovere l’autonomia dei titolari di protezione internazionale e la loro fuoriuscita dal circuito di accoglienza  attraverso la realizzazione di percorsi individuali di inserimento socio-economico. Sarà utilizzato un approccio personalizzato che faccia emergere le esigenze specifiche del singolo destinatario.

Azioni dell’Obiettivo Specifico:

Per supportare l’autonomia socio-economica dei titolari di protezione internazionale nel contesto di riferimento del progetto, si intendono raggiungere i seguenti obiettivi specifici (OS):

-OS del WP1 SUPPORTO ALL’INSERIMENTO LAVORATIVO:

attivazione di percorsi integrati individualizzati di supporto all’autonomia economica;

 sostegno al riconoscimento delle proprie abilità attraverso redazione del bilancio di competenze ; 

certificazione dei titoli posseduti ;

 attivazione di corsi di formazione non professionalizzanti ; 

attivazione di borse lavoro ; 

potenziamento di servizi per conciliare impegni casa/lavoro ;

riduzione tasso di inattività femminile tra i destinatari;

aumento destinatari che godono di mobilità autonoma;

attivazione di percorsi di orientamento al lavoro autonomo;

-OS del WP2 SUPPORTO ALL’INSERIMENTO ABITATIVO:

attivazione di percorsi integrati individualizzati di supporto all’autonomia abitativa;

affermazione del cohousing e dell’accoglienza in famiglia come soluzioni abitative;

riduzione del numero di destinatari che vivono in condizione di disagio abitativo;

aumento destinatari che beneficiano di sostegno economico per arredi, utenze domestiche o attraverso l’anticipo di sei mensilità di affitto;

-OS del WP3 SUPPORTO ALL’INSERIMENTO SOCIO-CULTURALE:

implementazione di eventi di coesione sociale; 

promozione della partecipazione dei migranti alla vita socio-culturale;

riduzione del numero di destinatari che vivono in condizione di marginalità sociale;

aumento destinatari che avranno beneficiato di supporto nell’inserimento scolastico;

RISULTATI ATTESI

Gli effetti immediati che le attività progettuali produrranno per l’autonomia dei destinatari saranno relativi all’acquisizione da parte loro di un maggior numero di strumenti, mezzi e competenze utili ad orientarli ed inserirli nei diversi ambiti del loro contesto sociale (lavorativo, abitativo , socio-culturale) e di cui potranno beneficiare anche nel medio-lungo termine. Grazie alle azioni previste nel WP1 i destinatari saranno in possesso di certificazione delle competenze, avranno acquisito conoscenze base di informatica, i genitori lavoratori potranno usufruire del servizio di baby-sitting e conciliare i loro impegni casa/lavoro, avranno la patente o la bicicletta per raggiungere agevolmente il posto di lavoro, saranno inseriti in percorsi formativi e di borse lavoro.

Attraverso il WP2 saranno più diffuse nel Salento le soluzioni del cohousing e dell’accoglienza in famiglia. Usufruendo dei vari supporti economici previsti i destinatari potranno investire più tempo nella ricerca di stabilità lavorativa.

Il potenziamento previsti dal WP3 porterà un maggior numero di destinatari a partecipare ad iniziative di coesione sociale e ad essere iscritti a circoli o associazioni sportive-ricreative , ad affermare il loro ruolo attivo nella comunità. I minori avranno usufruito di un valido supporto nell’accompagnamento e nel sostegno scolastico.