Castiglione d’Otranto, nasce il giardino migrante

Inaugurato a Castiglione d’Otranto il giardino dedicato alla memoria migrante, realizzato dai ragazzi ospiti del Centro di Accoglienza Straordinaria per richiedenti asilo – gestito da Arci Lecce – in collaborazione con il Comune di Andrano e la cittadinanza locale.

L’iniziativa rientra nell’ambito del progetto “Soffio Verde” di Arci Lecce, che di concerto con le amministrazioni locali punta alla riqualificazione di una specifica area del verde urbano attraverso il supporto dei beneficiari ospiti dei centri di accoglienza.

Da gennaio, mese in cui fu presentato il progetto, gli ospiti del centro di Castiglione d’Otranto, con il contributo di un gruppo di cittadini volontari, si sono impegnati a riqualificare lo spazio antistante al cimitero comunale.

Un giardino della memoria migrante per onorare il ricordo dei familiari scomparsi nel paese di origine dei migranti e le tante vite spezzate durante i lunghi e spesso tragici viaggi verso l’Italia.

Sono intervenuti all’inaugurazione: Mario Accoto (Sindaco di Andrano) – Ivan Botrugno (consigliere con delega all’integrazione, Comune di Andrano) – Carmelo Chianura (supervisore progetti Arci Lecce) – Vito Moscatello (associazione Famiglie Castiglionesi) – Don Michele Martella (parroco di Castiglione d’Otranto) – Saiffedine Maaroufi (Imam di Lecce).

 

X