Un appello indirizzato ai partiti per un Parlamento Antirazzista

In occasione della Giornata mondiale contro le discriminazioni razziali che si celebra il 21 marzo,
l’Arci invia un appello per un Parlamento Antirazzista a tutti i partiti.
Di fronte a un clima in cui parole e comportamenti caratterizzati da odio e razzismo, che si
traducono sempre più spesso in azioni violente contro le persone di origine straniera,
l’associazione chiede ai parlamentari e alle parlamentari eletti/e di:
– sottoscrivere una dichiarazione di intenti contro il razzismo, con la quale si impegnino a
dare, nei loro discorsi, una rappresentazione veritiera del mondo dell’immigrazione,
contrastando luoghi comuni e discorsi d’odio;
– porre al centro della propria attività parlamentare i diritti di tutte le persone, senza
distinzione alcuna;
– garantire l’effettiva indipendenza dell’Ufficio Nazionale contro le discriminazioni razziali e
la xenofobia (Unar), dotandolo delle risorse necessarie;
– favorire l’effettiva integrazione e partecipazione delle persone di origine straniera,
favorendo la rapida approvazione della legge di riforma della cittadinanza e per il voto alle
elezioni amministrative (due leggi di iniziativa popolare presentate dalla campagna L’Italia
sono anch’io);
– costituire un gruppo interparlamentare contro razzismo, discorsi d’odio e xenofobia, in
raccordo con le organizzazioni sociali e le associazioni antirazziste.
Il testo dell’appello verrà inviata domani a tutte le forze politiche.

Roma, 20 marzo 2018

Testo dell’appello

X